Archivi categoria: caffé alzheimer

Incontro di lunedì 25 novembre

L’incontro del gruppo si è aperto con la rievocazione del ricordo del giorno, del mese e dell’anno, con particolare attenzione al clima e alla stagione di riferimento, al fine di favorire la stimolazione dell’orientamento temporale e la focalizzazione attenzionale sull’ambiente circostante.

Foto di gruppo con la data del giorno appena rievocata

Successivamente, ogni partecipante, a turno, ha dovuto pescare un bigliettino da un sacchetto, leggendone la parola di riferimento al fine di elencare altri termini ad essa collegati. Questo gioco stimola il recupero di vocaboli su base semantica, dunque la reattività di accesso al lessico mentale.

La nostra Françoise mentre mostra il bigliettino appena pescato

Dopo l’elenco dei termini correlati, è stato chiesto ad ogni partecipante di rievocare episodi della propria vita eventualmente legati al target di riferimento. Ciò stimola la memoria autobiografica, nell’atto di organizzare quelle conoscenze dichiarative che ruotano attorno a fatti significativi della propria vita personale.

La nostra Elsa mentre mostra il bigliettino appena pescato

La musicoterapia ha permesso l’utilizzo di diversi strumenti musicali ai nostri partecipanti, sia in maniera spontanea che sotto guida della nostra musicoterapeuta, al fine di favorire la comunicazione nel gruppo, l’apprendimento di sequenze sonore, la motricità fine e l’espressione emotiva.

Il gruppo impegnato durante l’apprendimento di sequenze sonore

Inoltre è stato possibile effettuare una riattivazione della memoria emozionale e musicale, attraverso l’ascolto di canzoni appartenenti al bagaglio culturale degli anziani.

La nostra musicoterapeuta Luciana e la nostra Angela intente a dare il ritmo durante l’ascolto di un brano popolare

“La musicoterapia è una psicoterapia non verbale, che utilizza le espressioni corporo-sonoro non verbali per lo sviluppo di una relazione fra il musicoterapeuta e coloro che necessitano di un appoggio per l’integrazione nella società e per migliorare la qualità della vita” Rolando Omar Benenzon, Manuale di Musicoterapia – 1983

La nostra Elsa intenta a salutare col tamburello

Le vostre Valentina (psicologa) e Luciana (musicoterapeuta) vi salutano e vi ricordano il prossimo appuntamento che si terrà lunedì 2 dicembre.

Incontro di lunedì 28 ottobre

L’incontro del giorno si è aperto con la rievocazione della data e della presa di coscienza dei propri punti di riferimento rispetto al luogo di ritrovo, al fine di favorire la stimolazione dell’orientamento temporale e dell’orientamento spaziale.

La nostra psicologa Valentina e il nostro gruppo intenti a mostrare la data del giorno.

Si è passati, poi, a prendere in considerazione le peculiarità del mese di ottobre, per confrontarle con quelle del mese di novembre, al fine di favorire la rievocazione spontanea di ricordi legati a festività e il recupero di stimoli tipici del periodo autunnale. Ciò consente di far leva sull’orientamento temporale, l’orientamento personale e la stimolazione della memoria autobiografica, per dare un senso di ordine e continuità ai ricordi del proprio sé autobiografico, e la memoria semantica.

Il nostro Juan intento a mostrare una zucca di Halloween.
La nostra Elsa intenta a rievocare ricordi legati al periodo della vendemmia.

La musicoterapia si è aperta con la presentazione di uno strumento musicale alla volta, nel suo nome e nel suo suono, al fine di permettere al gruppo di prendere confidenza con diversi timbri sonori da avvicinare alle proprie corde emotive.

La nostra musicoterapeuta Luciana intenta a mostrare alcuni strumenti musicali in sua dotazione.

Successivamente, ogni partecipante ha potuto scegliere lo strumento preferito, per suonarlo in libertà nel gruppo, al fine di scaricare la propria tensione interiore e comunicare, senza il limite verbale, il proprio stato emotivo.

Il gruppo impegnato a suonare in libertà il proprio strumento preferito.
Il nostro Juan e la nostra Carmela mentre suonano divertiti.

In seguito, è stato presentato un compito di associazione nel breve e lungo termine: ogni partecipante ha scelto un colore, con il quale è stata presentata un’istruzione, ossia quella di suonare il proprio strumento alla vista del proprio cartoncino colorato di riferimento. Tale esercizio aiuta a migliorare la focalizzazione attenzionale e permette la stimolazione della memoria a breve e lungo termine.

La nostra musicoterapeuta Luciana mostra il colore azzurro per far suonare il nostro Juan.
La nostra musicoterapeuta Luciana mostra il colore verde per far suonare la nostra Carmela.

Alla fine è stato promosso l’ascolto di brani su richiesta, per favorire la coesione sociale, il rilassamento e…

La nostra musicoterapeuta Luciana intenta a far ascoltare brani su richiesta dei partecipanti.

…il ballo!

Momenti di felicità a CASAlzheimer!

Le vostre Valentina (psicologa) e Luciana (musicoterapeuta) vi salutano e vi ricordano il prossimo appuntamento, che si terrà lunedì 4 novembre!

C.A.S.Alzheimer – PROGETTI PER IL 2017

Cari Amici e Amiche,

eccoci ad iniziare questo nuovo anno con in mente numerosi progetti che possano dare un aiuto riabilitativo alle persone che soffrono delle varie forme di demenza e un sollievo ai loro familiari.

Lo scorso anno abbiamo aperto la nostra nuova sede di Albano Laziale in via Alcide De Gasperi, 30, dove abbiamo continuato a svolgere regolarmente il Caffè Alzheimer, momento di incontro per familiari attivato fin dal 2013 dove confrontarsi e ricevere formazione nella gestione assistenziale, comportamentale e relazionale dei propria cari grazie alla conduzione di un psicoterapeuta esperto nella conduzioni di questi gruppi specifici. 46 persone tra familiari, assistenti domiciliari e persone con malattia hanno partecipato almeno ad uno dei venti incontri fatti, con una media ad incontro di 16 persone.

Nel maggio scorso abbiamo intrapreso anche “ATTIVAmente ANZIANI -modello COGS CLUB“, dove un pomeriggio a settimana, anziani con diagnosi di Alzheimer o di altra malattia dementigena  ricevono stimolazione cognitiva, attività occupazionale, attività motoria e musicale in un ambiente sereno. La conduzione professionale è affidata ad un terapista occupazionale Dott. Runza e ad una psicoterapeuta Dott.ssa Cascone, con la collaborazione attiva di due nostre volontarie che settimanalmente turnano e la consulenza scientifica del geriatra Dott. Antonello Silvestri.

In questa prima annualità abbiamo svolto 29 incontri a cui hanno partecipato complessivamente 16 anziani con una media ad incontro di 8 anziani. Ci troveremo anche quest’anno nei locali della Parrocchia di S. Eugenio a Pavona.

Questi due progetti continueranno regolarmente nel corso di questo 2017.

Inoltre ci stiamo organizzando per offrire un servizio di terapia occupazionaledirettamente a domicilio, per insegnare ai familiari a casa come essere d’aiuto ai loro cari nel mantenimento delle capacità e delle autonomie.

Ricordiamo che tutti queste attività sono gratuite per gli anziani e i loro familiari, come Associazione di Volontariato noi ci finanziamo attraverso:

  • il tesseramento annuale di 10 euro,
  • donazioni di privati,
  • il 5X1000 nella dichiarazione dei redditi,
  • organizzazione di eventi di finanziamento – FESTA D’ESTATE – CENA DI NATALE grazie all’aiuto di Associazioni come la San Francesco per la Pace di Albano Laziale,
  • lo scorso anno siamo stati premiati dalla Banca di Credito Cooperativo “Toniolo” per la originalità del progetto sociale “ATTIVAmente ANZIANI”,
  • banchetti informativi durante i mercati domenicali nel centro di Albano.

Se avete bisogno, volete chiedere informazioni o partecipare come volontari alle nostre attività dovete chiamare il 339.71 55 997 oppure scrivere a  casalzheimer@gmail.com.

Per donazioni a sostegno dei progetti:

BCC “G. Toniolo”  IBAN: IT05H0895138900000000351387

intestato a C.A.S.Alzheimer – Centro Albano Sostegno Alzheimer

Partecipate con noi!

il Presidente

Dott. Mirko Menabue

CASAlzheimer: la NUOVA SEDE per le nuove attività dell’Associazione!

locandina 1.2.1620160201_173644 il gruppo! 20160201_174145volontarie preparano il caffè!

nella nuova SEDE dell’Associazione sono iniziate le attività dedicate ai familiari e agli anziani che soffrono delle diverse forme di demenza senile.

All’inaugurazione siamo stati accompagnati nella nostra merenda da dolci sfornati dalle mani sapiente di tante nostre socie e volontarie!

24 persone hanno partecipato a questo primo incontro!

un punto discusso è stato: se voglio aiutare la persona che vive il disturbo di memoria e non mi voglio far prendere ancora di più dall’ansia devo pensare di mettere in discussione il mio punto di vista! le cose, le attività … si possono vedere in più modi, quella giusta non è detto che sia quella che abbiamo avuto per tanti anni!

uno sforzo faticoso e doloroso ma, a volte, ricco di sorprese e  soddisfazioni!

 

grande successo del 1° incontro dell’anno di CASAlzheimer ad Albano Laziale-incontro per familiari e persone con la malattia di Alzheimer

23 persone insieme per  ricominciare le attività di CASAlzheimer!

Nella nuova sede tanti amici e tante persone nuove hanno deciso di partecipare al primo incontro dell’anno per familiari  che assistono direttamente  il proprio caro con la malattia!

20160120_182824

tante novità sono pronte a partire dai prossimi incontri!

sia per i familiari, sia per le persone che soffrono della malattia……. attività cognitive riabilitative, giochi, momenti di musica e momenti per stare bene insieme e imparare cose per affrontare più forti la vita con la malattia!

un grazie particolare a tutti quelli che ci danno una mano e a quelli che si uniranno a noi per farlo!  CASAlzheimer –  la tua associazione di volontariato sul tuo territorio!

Mirko Menabue

Presidente CASAlzheimer

 

eccoci al primo appuntamento dell’anno 2016!! IL CAFFE’ ALZHEIMER

eccoci a ricominciare l’anno con il nuovo CAFFE’ Alzheimer! lo slogan è

” tenere allenata la memoria fa bene a tutti!”

LOCANDINA 20GENNAIOlocandina 20 gennaio 2016

Abbiamo cambiato sede, ci troviamo da quest’anno in via San Pancrazio 38  sempre ad Albano Laziale!

il Presidente

dott. Mirko Menabue

un abbraccio …. che da sicurezza!

abbracci-tuttacronaca

Un abbraccio che da sicurezza è la riflessione emersa all’ultimo gruppo del caffè alzheimer. tante sono le ragioni che si frappongono a volte, nessuna però vale la forza e la capacità comunicativa di questo nostro naturale gesto!

a una persona che ti chiede insistentemente di “andare a casa” rispondi con questo gesto di grande rassicurazione …. tentar non nuoce!

vi aspettiamo numerosi al prossimo venerdi, sempre dalle 17 alle 19.

un caro saluto a tutti

Mirko Menabue

 

un aiuto per noi che ci prendiamo cura degli altri!

Buon giorno soci/e e amici del caffè alzheimer,

7501_img01

venerdi scorso al gruppo abbiamo toccato con mano le difficoltà di chi cerca tutti i giorni di aiutare chi si trova con la malattia, al senso di responsabilità e al senso di solitudine che a volte ci pervade e ci ostacola nel vedere chi  può venirci incontro a darci una mano.
A tutti un incoraggiamento grande!

a venerdi prossimo sempre dalle 17 alle 19!

Mirko

 

Mirko Menabue

Presidente  CASALZHEIMER

Associazione di Promozione Sociale
c.f.90078510584